Cerca nel blog

venerdì 27 dicembre 2013

RESTA SOLO PIU' LA LIBERTA' DI FARE CIO' CHE VOGLIONO GLI ALTRI......



a cura di: AteneoWeb S.r.l. Lunedì 16/12/2013

In base ad un emendamento al Dl Stabilita` approvato dalla V Commissione di Montecitorio, proposto da Marco Causi capogruppo Pd in commissione Finanze, non sara` piu` possibile pagare gli affitti in contanti, ad eccezione delle case di edilizia popolare ed economica.
Il pagamento dei canoni dovra` infatti avvenire solo ed unicamente con sistemi tracciabili e sara` compito dei Comuni l`attivita` di monitoraggio dei contratti di locazione attraverso l`anagrafe condominiale, segnalando eventuali scorrettezze all'agenzia delle Entrate.
Secondo il Presidente di Confedilizia Corrado Fogliani Sforza, con il divieto ai pagamenti degli affitti in contanti "le banche dovranno essere obbligate ad aprire un conto corrente a chiunque. Inoltre cosi`, anche se si tratta di uno strumento per combattere l'evasione, vivere nel nostro Paese diventa ancora piu` complicato. Altro che semplificazione delle norme per favorire il mercato delle locazioni...».


TASI MENO GRAVOSA DELL' IMU??? AI COMUNI LA GESTIONE DEL TRIBUTO, NOI I CONTI LI FAREMO QUANDO AVREMO PAGATO,SOLO ALLORA SAPREMO SE SARANNO DI PIU' O DI MENO!!


Comunicato Stampa N° 250 del 18 dicembre 2013

Nel 2014 la Tasi, la tassa comunale sui servizi indivisibili, per i proprietari di prima casa non risulterà più gravosa dell'Imu. Il gettito complessivo dell'Imu ad aliquota di base (4 per mille) e detrazione base sarebbe stato pari a 3,8 miliardi. Con la Tasi, calcolata ad aliquota base (1 per mille) e senza detrazioni il gettito risulta di 1,7 miliardi a cui vanno sommati 100 milioni di euro a titolo di Imu per le sole abitazioni principali di lusso (categorie catastali A1, A8 e A). Nel complesso risulterà un minor prelievo sull'abitazione principale stimato in circa 2 miliardi.
Va inoltre considerato che il ddl stabilità per il 2014, in corso di approvazione in Parlamento, ha previsto a carico del Bilancio dello Stato l'assegnazione di 500 milioni di euro per finanziare l'introduzione, da parte dei Comuni, di detrazioni dalla TASI a favore dell'abitazione principale. Di fatto quindi il gettito della tassa sui servizi ad aliquota di base si riduce da 1,7 miliardi a 1,2 miliardi di euro, con l'utilizzo integrale delle predette risorse. Il confronto tra Imu e Tasi non tiene poi conto della maggiorazione Tares servizi indivisibili, pari a 30 centesimi/mq, gravante nel 2013 su tutti gli immobili comprese le abitazioni principali e abrogata contestualmente all'introduzione della Tasi. La Tasi è un tributo gestito interamente dai Comuni che, in base alle loro esigenze di bilancio, possono decidere di ridurre l'aliquota (fino ad azzerarla), di introdurre ulteriori detrazioni o agevolazioni, o di aumentare l'aliquota fino ad un massimo del 2,5 per mille. Anche nel caso di aliquota al 2,5 per mille, l’inserimento di detrazioni finanziate per 500 milioni porterà a un minore onere fiscale. Il carico fiscale complessivo sulle abitazioni principali si è dunque ridotto a seguito delle recenti riforme. L'effetto sui singoli contribuenti dipende tuttavia dalle modalità specifiche di applicazione delle aliquote e delle detrazioni, che sono lasciate all'autonoma determinazione dei Comuni.

————

Roma, 18 dicembre 2013

NIENTE OBBLIGO DI POSTA CERTIFICATA PER LE IMPRESE NON ATTIVE


a cura di: TuttoCamere.it  Venerdì 27/12/2013

L'obbligo imposto dal comma 2 dell'art. 5 della L. 17 dicembre 2012, n. 221, di conversione del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179, non trova applicazione nel caso di imprese individuali che chiedono la cancellazione dal Registro delle imprese.
E' questo il parere espresso dal Ministero dello Sviluppo Economico nella circolare n. 3664/C del 2 dicembre 2013, emanata in risposta al quesito se l'obbligo di iscrizione dell'indirizzo PEC al Registro delle imprese da parte delle imprese individuali trovi o meno completa applicazione anche nel caso di imprese individuali in fase di cancellazione dal Registro delle imprese.
Da una attenta lettura del disposto di cui alla citata norma si ricava che, da una parte si esclude dall'obbligo "le imprese in stato di procedura concorsuale", e che dall'altra si richiede che le imprese siano "attive".
Ricollegando poi tale disciplina al disposto di cui all'art. 2196 del Codice civile si ricava inoltre che, al momento della richiesta di cancellazione dal Registro delle imprese, l'impresa individuale ha gia` cessato l'attivita` e che pertanto non possiede piu` il requisito di "impresa attiva", presupposto per l'applicazione della disciplina di cui al citato comma 2 dell'art. 5 della L. n. 221/2012.


NEL FRATTEMPO, PER NON SBAGLIARE, LO STATO BISCAZZIERE PRENDE AI POVERI ILLUSI, PER DARE AI.....


di Marco Della Luna

La nota corporation del gioco d’azzardo e delle slot machines era stata scoperta, da un alto ufficiale della Guardia di Finanza, aver evaso somme enormi di tasse, e doveva allo Stato 98 miliardiripeto: miliardi. Il governo – questo governo di larghe intese e larghi inciuci – ha ridotto il pagamento a 600 milioni – meno di un centesimo!!! L’alto ufficiale è stato rimosso. Sommiamo questa vicenda al fatto che giochi d’azzardo e slot machines accettano, anzi esigono, il contante: quindi sono un mezzo ideale per giganteschi riciclaggi e rilavaggi monetari di soldi di ogni – dico ogni – provenienza: nero, droga, armi, corruzione, prostituzione – , buoni per ogni forza politica e sindacale democratica e responsabile. Ovvio che chi gestisce questi giochi fa comodo a tutta la casta e non solo ad essa; ovvio che possa comandare alla politica e agli uffici che redigono i provvedimenti normativi; ovvio quindi che nella “legge di stabilità” non sia stata introdotta la semplicissima misura di imporre l’identificazione dei giocatori e l’uso del pos, proibendo l’uso del contante, nel gioco d’azzardo e con le slot machines: l’establishment che detiene il potere politico difende i suoi traffici e le sue fonti di reddito: ditelo ai nuovi, ai quarantenni, a Renzi e Letta, e vediamo se faranno inserire questa misura nel decreto Mille Proroghe, come han promesso di fare per rimediare ad altre due sconcezze minori. Se non lo fanno, ditegli quel che si meritano, in parlamento, sui giornali, nelle piazze.

113 MILIARDI A FAVORE FAMIGLIE POVERE E IMPRESE ATTRAVERSO PRELIEVO UNA TANTUM DEL 10% ? A CHI???

  • Migliori Post del Forum di Cobraf
     
    La Soluzione a cui pensano per l'Italia è una patrimoniale del 10%, sembra. Prima lo ha indicato il FMI nel report di ottobre (pag 49 dove parla di un prelievo una tantum del 10% sulla ricchezza netta senza specificare se liquida o tutta) e poi ora Nomisma di Prodi, il cui attuale direttore è un banchiere che è stato a capo di Tassara di Zaleski. Nomisma però vuole tassare del 10% solo gli investimenti finanziari, non l'insieme della ricchezza e quindi lasciare fuori gli immobili. In questo modo però prendi solo 110 miliardi circa di euro, che non sono niente rispetto ai 2,100 miliardi di debito pubblico. Questa proposta può essere la cosa che sposta la maggioranza per l'uscita dall'Euro...


    L’ultima spiaggia per l’Italia? Un prelievo una tantum del 10% sulla fascia più ricca della popolazione. A tornare alla carica è stato l’ex banchiere Pietro Modiano oggi presidente di Nomisma, della società degli aeroporti milanesi Sea e, benché in uscita, della Tassara, la holding di uno dei più importanti debitori di Intesa Sanpaolo, Romain Zaleski che quest’estate ha ottenuto l’ennesima moratoria sul suo debito di oltre 2 milairdi di euro verso il sistema bancario.

giovedì 19 dicembre 2013

MARCO DELLA LUNA: " L'ITALIA E' SPACCIATA, L'UNICA OPZIONE PRATICA RESTA L'EMIGRAZIONE"

di Marco Della Luna 18 dicembre 2013
I correnti moti di ribellione dal basso, che si aggiungono agli attacchi sul piano politico e della legittimità costituzionale portati dai partiti di opposizione, pongono la questione se un’eventuale rivoluzione violenta diretta ad abbattere il sistema di potere italiano sarebbe legittima oppure illegittima.

La recente sentenza della Consulta che ha dichiarato l’illegittimità della legge elettorale vigente (quindi del parlamento, del capo dello Stato e dei giudici costituzionali da esso eletti, e delle leggi da esso varate) ha riconosciuto esplicitamente e formalizzato irreversibilmente la già palese illegittimità complessiva del regime (uso questa parola nel senso neutro di apparato dominante) rispetto alla Carta Costituzionale, che esso ha ampiamente e molteplicemente tradito. Il colmo è Napolitano, che si ostina a difendere questo parlamento illegittimo e incostituzionale da chi ne reclama lo scioglimento. 

LA FIRMA DI UNA LEGGE CHE AUMENTA LE SALE GIOCO DOVREBBE ILLUMINARE IL POPOLO SU CHE RAZZA DI GOVERNO ABBIAMO AVUTO ED ABBIAMO TUTTORA!!!UN GOVERNO CHE VUOLE LA DISTRUZIONE DELLE FAMIGLIE PRATICATA IN TUTTE LE DIREZIONI!!

L'INFAMIA DEL GOVERNO E DEL PARLAMENTO

MERCATO LIBERO AUGURA A TUTTI COLORO CHE HANNO VOTATO LA LEGGE CHE SEGUE...DI AVERE UN LORO FIGLIO O IL LORO CONIUGE O I LORO GENITORI CHE SI FACCIA ROVINARE DAL GIOCO.....CHE SI INDEBITINO..CHE VADANO A CACCIARSI NEI GUAI PER OTTENERE FINANZIAMENTI DA USURAI..CHE PERDANO LA CASA E LA FAMIGLIA

CREDO CHE OGNI PERSONA PERBENE LA PENSI COME NOI...EPPURE...EPPURE IL GOVERNO DELLA DITTATURA HA DECISO DIVERSAMENTE..
 - ''Il Governo vuole fare cassa con il gioco d'azzardo. Lo fa nella legge di stabilita' prevedendo nuove concessioni e soprattutto, colpendo quei Comuni e quelle Regioni che sono impegnate a contrastare la crescita vertiginosa di sa la criminalita' la regia della criminalita' organizzata''. 
 Non tutto e' ammissibile per fare cassa e sicuramente non lo e' sfruttare la situazione di patologia in cui versano centinaia e centinaia di cittadini. Penalizzare i Comuni e le Regioni impegnati a contrastare il fenomeno, chiamandole a rispondere direttamente dei mancati guadagni derivanti da provvedimenti assunti in tema di gioco d'azzardo e di riduzione di licenze e concessioni  e' un errore che pone il Governo di fronte ad una scelta: regolamentare il gioco d'azzardo con norme piu' severe che tengano conto degli effetti negativi dell'attivita' - ludopatia e criminalita' organizzata - oppure fare cassa consapevoli delle problematiche connesse alla diffusione di slot machine e tavoli verdi. Ci pare che il Governo Letta abbia deciso per la seconda''. red/gc
Gioco D'Azzardo: Maroni Contro il Governo

mercoledì 18 dicembre 2013

LA FERRERO DI ALBA PER LA PRIMA VOLTA HA REGISTRATO UN CALO DI OLTRE IL 5% SUL MERCATO ITALIANO


Torino, 17 dic.- (Adnkronos) - Si e' chiuso con un fatturato complessivo di 2.697 milioni il bilancio 2013 di Ferrero. A trainare i conti sono state le esportazioni che si sono attestate a 789 mln, in crescita del 4,1%, perche' per la prima volta nella storia, la crisi si e' fatta sentire anche nella storica azienda dolciaria di Alba che ha registrato una contrazione delle vendite di prodotti sul mercato italiano del 5,3% a valore rispetto allo scorso anno L'utile netto dell'esercizio è stato pari a 156,1 milioni di euro, con un'incidenza sui ricavi del 5,3%, mentre il flusso di liquidità generato dalla gestione reddituale ammonta a 215,7 milioni di euro. 

martedì 17 dicembre 2013

ABBIAMO BISOGNO DI CLASSIFICAZIONI SCIENTIFICHE PER STABILIRE CHE IL SESSO TRA BAMBINI E ADULTI E' UN ABOMINIO????

 da http://www.lanuovabq.it/di Gianfranco Amato 16-12-2013

E’ ormai considerato un punto di arrivo ineludibile. Dopo lo sdoganamento culturale, politico e giuridico dell’omosessualità, ora tocca alla pedofilia. Diversi sono, purtroppo, i segnali che da tempo fanno apparire sempre più verosimile questo scenario agghiacciante. 

Certo non aiuta la notizia della recente pronuncia della Suprema Corte di Cassazione, di cui parliamo a parte riportando anche la sentenza: con essa è stata sollecitata l'applicazione dell’attenuante del «caso di minore gravità» di cui all'art. 609-quater, quinto comma, del Codice Penale, per un’ipotesi di plurimi rapporti sessuali completi tra un sessantenne ed una bimba di undici anni, sulla considerazione che tra autore del reato e vittima vi era un “rapporto amoroso”, e che la vittima era innamorata dell’adulto. Il punto è che tale pronuncia, inaccettabile sotto il profilo giuridico, ammettendo la possibilità di una relazione amorosa tra un uomo di sessant’anni ed una undicenne, rischia di offrire il destro a quella preoccupante deriva ideologica che tende a fare riconoscere la pedofilia non quale grave e depravata patologia, ma come semplice orientamento sessuale.

LA GERMANIA PUO' DECIDERE SOVRANAMENTE SE APPLICARE IL MES OPPURE NO! I TEDESCHI QUINDI RESTANO POPOLO SOVRANO! E NOI ?


tratto da RC (di Maurizio Blondet)


E così, Berlino ha un governo di coalizione – con comodo, loro non hanno fretta – e la Merkel s’è associata all’SPD, che s’è accaparrato sei ministeri. C’era una speranziella di una svolta «progressista», ossia più europeista e «solidale», hanno suggerito i governativi a Roma, come i socialisti francesi di Hollande. Vedrete che Berlino adesso dirà qualcosa di sinistra… Le felicitazioni sono durate poco; poi, il silenzio. 

Come mai? È apparsa la verità indicibile: i socialdemocratici si sono completamente accodati al Nein della Merkel verso gli europoidi danneggiati dall’euro. Se avrà un carattere identificabile, il nuovo governo di coalizione avrà questo: la convergenza dei due partiti nel rifiuto della Cancelliera di contribuire ulteriormente all’Unione Europea: no definitivo a non si sa quali piani di salvataggio, no alla messa in comune di debiti europei «per gli investimenti» (preconizzati insieme da Hollande e Letta nel loro incontro: peracottari) no e poi no alle euro-obbligazioni, no a ristrutturazioni dei debiti dei Paesi «aiutati», no alla unione bancaria.

Nein, nein, nein. 

lunedì 16 dicembre 2013

DI "CRISTO" CE N'E' UNO SOLO, OGGI COME ALLORA !!! DI MARTIRI IN CARCERE CE NE SONO INVECE MOLTI, MA I MEDIA NON NE PARLANO


di Antonio Socci 15 DICEMBRE 2013 

Risate e sorrisi tra Helle Thorning-Schmidt e Barack Obama

Non dico che l’apparato mediatico mondiale sia un congegno di sistematica disinformazione. Non voglio dirlo. Però sono insopportabili la sua ipocrisia e il suo doppiopesismo. Per le notizie che tace, ma anche per quelle che dà con enfasi e per le mitologie che crea.

E’ la società dello spettacolo “politically correct” di cui Hollywood è il tempio.

MANDELA E LE RISATE DI OBAMA

L’ultimo mito che ha costruito e celebrato è quello di Nelson Mandela. Il quale ha indubbi meriti politici, ma lui per primo avrebbe rifiutato di paragonarsi a Gesù Cristo, accostamento che invece è stato fatto da qualcuno della Bbc.

83 GIORNI IN CARCERE DA INNOCENTE, ORDINARIA STORIA DI MALAGIUSTIZIA!!


tratto da http://www.tempi.it/ Dicembre 16, 2013 Francesco Amicone

Antonio Lattanzi racconta l’errore giudiziario subito, un dramma per lui e per la sua famiglia. Ai carcerati «non una, non dieci, ma migliaia di volte passa l’idea di farla finita»


Quella di Antonio Lattanzi è una delle tante storie che gettano luce sul malfunzionamento e sulle assurdità della giustizia in Italia. Pochi giorni dopo aver ottenuto il risarcimento dello Stato italiano per l’errore giudiziario subito, ha deciso di raccontarla sabato, all’incontro “Giustizia? Esperienze a confronto per una riforma“, organizzato da Tempi e Panorama e trasmesso da Radio Radicale.

Nel 2002, Lattanzi, allora assessore comunale  in  un paese abruzzese, fu 
accusato di tentata concussione dalla Procura dell’Aquila e arrestato. Fu scarcerato dal Riesame «a causa della mancanza di gravi indizi di colpevolezza e delle esigenze cautelari», ma il gip emise altre tre distinte ordinanze riportandolo in galera (ordinanze anch’esse in seguito annullate dal Riesame per le stessa motivazioni della prima). In pratica, «sono stato arrestato quattro volte», spiega Lattanzi: il gip lo metteva agli arresti, il Riesame annullava la carcerazione preventiva, il gip lo arrestava di nuovo. In questo modo, Lattanzi passò ottantatré giorni in carcere da innocente.

PER CAPIRE DI PIU' IL CASO DEI "FRANCESCANI DELL'IMMACOLATA"


Nell’estate del 2013 è esploso il “caso” dei Francescani dell’Immacolata, l’istituto religioso fondato da padre Stefano Maria Manelli, da sempre contraddistinto per l’austerità della vita religiosa e la fedeltà alla regola francescana “commissariato” dalla Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata. Un provvedimento dettato da un dissidio interno all’Ordine? Oppure dalla volontà di colpire la Liturgia Tradizionale? Quel che è certo è che il commissariamento ha subito travalicato le dimensioni interne dell’Ordine e ha suscitato la reazione dell’opinione pubblica cattolica, prestandosi a diverse letture e interpretazioni sulla situazione attuale della Chiesa cattolica. Il volume disponibile in anteprima "Un caso che fa discutere: i Francescani dell'Immacolata" offre un’informazione della vicenda, presentando un quadro delle posizioni che sono state prese a livello mediatico, sui giornali e su internet.

sabato 14 dicembre 2013

VOCE DI POPOLO,VOCE DI DIO!!! COSA ACCADRA' SE PADRE VOLPI NON SI DIMETTE?

Raggiunte le 5 mila firme in pochissimi giorni per chiedere le dimissioni di Padre Volpi

Sono già circa 5 mila le firme raccolte -e raccolte in pochissimi giorni!-, per chiedere le dimissioni di Padre Fidenzio Volpi dal suo incarico di commissario dei Francescani dell’Immacolata.





La notizia della petizione si è estesa presto in tutto il mondo, tanto che a sottoscriverla sono fedeli di ogni condizione sociale e professionale, di ogni età e livello culturale, residenti ai quattro angoli del pianeta, dalla Polonia al Brasile, dagli Stati Uniti all’Argentina, com’è possibile evincere dall’elenco on line, che è pubblico e consultabile da chiunque
(http://www.corrispondenzaromana.it/firma-per-chiedere-le-dimissioni-di-padre-fidenzio-volpi/).

Ciò evidenzia non solo quanto il problema sia sentito e corale sia la reazione, ma ancor più attesta l’universale comunione e la cristiana vicinanza della gente comune ai frati fedeli al proprio fondatore, Padre Stefano Maria Manelli, costretto senza motivo ad un regime di totale isolamento.

OCCHIO A SOTTOSCRIVERE SULLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI A CHI VUOI DONARE.....


Grazie a questa riforma, i partiti, semplicemente leggendo la tua dichiarazione dei redditi, vedranno a chi dai il tuo 2 per mille! E’ come consentire loro di spiare nella cabina elettorale e vedere come voti. Se si voleva evitare questo spionaggio, bastava rendere anonima la scelta facendo apporre la crocetta su tessera da infilarsi in una busta anonima e non trasparente. Ma evidentemente lo scopo era proprio di consentire lo spionaggio e il condizionamento del voto.

Quindi, se abiti, per esempio, in Toscana o in Emilia-Romagna e vuoi un posto di lavoro o semplicemente evitare guai con la pubblica amministrazione, adesso sei costretto a dare il 2 per mille a un preciso partito politico. E guai a te se lo dai a un partito sgradito! Un ottimo modo per stabilizzare il potere dei partiti sulla società, davvero, e non soltanto le loro rendite.

Altro che “adesso il potere è tutto degli elettori”, come ha dichiarato Letta, altro che “protagonismo dei cittadini” annunciato da Alfano: adesso la casta ha più controllo che mai sugli elettori. Ecco perché questa riforma è furba, orwellianamente furba. Non perché una riforma simile era già disegno di legge in attesa di voto, e col decreto di legge Letta si sono allungati di tempi e si è reso altresì possibile, per la maggioranza, lasciar decadere il decreto legge non convertendolo nei 60 giorni. Non perché, nel migliore dei casi, diverrà operativa fra tre anni. Ma perché rafforza la partitocrazia e toglie libertà ai cittadini.

Ora l’illuminato ideatore di questa geniale riforma sia premiato come gli spetta: con l’elevazione all’onore del Quirinale!

13.12.13 Marco Della Luna

BLONDET: "NON SO COSA PENSARE".....ANCH'IO NON SO COSA PENSARE MA VOGLIO VEDERCI PIU' CHIARO

Rahner I Papa?
di MAURIZIO BLONDET

Per quel poco che so, intravedo inquietanti consonanze rahneriste nell’impazienza del Papa attuale verso quei cristiani preoccupati della Tradizione, dei dogmi e delle eresie pullulanti con evidenza nella Chiesa, che lui chiama «cristiani ideologici». Rahner è un esponente terminale di quella patologia del pensiero detta «idealismo tedesco» nella versione Heidegger.(...) 

(....) Da sempre più parti si segnala negli atti di Papa Bergoglio l’influsso di Karl Rahner, il gesuita teologo e perito del Concilio; anzi c’è chi descrive l’elezione di Francesco come un colpo di Stato dei gesuiti ormai ridotti ad una setta rahneriana: «È la loro scuola che domina tutte le cattedre negli atenei cattolici, dove si è sostituito l’insegnamento del cristianesimo con il rahnerismo, e, in America latina». La brutale soppressione dei Francescani dell’Immacolata sarebbe una vendetta contro un ordine dal quale «si sono visti per la prima volta fare a pezzi, con un rigore stringente, i loro idoli di carta, i Rahner e compagni».

Non so cosa pensare, non ho abbastanza informazioni interne, né letture teologiche per giudicare. So di un alto prelato, uno degli epurati da papa Francesco, che sta rileggendo con rinnovata attenzione le profezie della …

venerdì 13 dicembre 2013

RICERCA, UN COCKTAIL DI SEI SOSTANZE NATURALI SCONFIGGE IL CANCRO:ISOFLAVONI,CURCUMINA,INDOLO 3 CARBONOLO,FICOCIANINA C,RESVERATROLO,QUERCITINA



29 novembre 2013 - Gli esperti lo ripetono ormai da tempo: un corretto stile di vita e una alimentazione sana, giocano un ruolo fondamentale nel prevenire e nel contrastare il cancro. Ora arriva una nuova conferma che ha dell’incredibile: 6 sostanze naturali presenti in diversi alimenti e spezie, unite insieme sono risultate un cocktail efficace in grado di uccidere il 100% delle cellule cancerogene del tumore al seno.

Lo studio è stato condotto da Madhwa Raj, professore e ricercatore di ostetrica e ginecologia del LSU Health Sciences Center New Orleans e del Stanley S. Scott Cancer Center e i risultati sono stati pubblicati sul numero di novembre della rivista scientifica The Journal Of Cancer.

Lo studio. I ricercatori del team hanno testato 10 sostanze protettive già note presenti in cibi come broccoli, uva, tofu (soia), mele e curcuma, prima di stabilire le 6 componenti migliori da utilizzare.

mercoledì 11 dicembre 2013

ITALIANI, VOGLIAMO PER I NOSTRI GIOVANI UN SALARIO MINIMO MENSILE DI 485 EURO ? COME LA TROIKA PROPONE AL PORTOGALLO? COSI SARETE PIU' COMPETITIVI DICONO QUELLI DEL FMI!,,

di Maurizio Blondet 9 dicembre 2013



Saccomanni vola a Wall Street a convincere gli speculatori ad approfittare delle ultime «privatizzazioni» che il governo Letta si appresta a fare, ossia la svendita definitiva dei beni che gli italiani hanno pagato e ripagato dal dopoguerra. E cosa fa Letta? Riceve Netanyahu assicurandogli l’eterna servilità italiota, gli offre spazi nazionali per le sue esercitazioni anti-Iran, partecipa a grandi manovre con Sion, in pratica ci allea a nostra insaputa con lo stato criminale e genocida.


Nessuna meraviglia, in fondo: per questo ci è stato dato questo governo, per svendere, servire, ed applicare la volontà persecutrice dell’eurocrazia al soldo della Germania. A prezzo della vita di tutti noi italiani. Cade dalle nubi (come Checco Zalone) l’economista ufficiale (ancorché keynesiano) Gustavo Piga, che scrive nel suo blog:

Come può pensare il Presidente Letta che le imprese possano tornare ad investire di fronte ad un documento, il DEF, firmato di suo pugno, dove, nel giro di 4 anni, 2014-2017,si promette (sarebbe meglio dire si minaccia) di far scendere il deficit in rapporto al PIL dal 2,5% allo 0% di PIL, ovvero di 40 miliardi? Lo sanno tutti come, se mai veritiero, verrà raggiunto questo risultato: bene che vada per 2/3 con aumenti di tasse e 1/3 con tagli lineari di spesa, facendo collassare la domanda interna. Chi mai investe in questo contesto? Chi?

DOMANDIAMOCI PERCHE' ALLA "SINISTRA PER BENE" NON E' ANDATA GIU' LA MANIFESTAZIONE DEI DISOCCUPATI,AGRICOLTORI,ARTIGIANI,COMMERCIANTI,PENSIONATI....QUELLI CHE NON HANNO MAI SCIOPERATO MA SOLO E SEMPRE LAVORATO!!!

di MAURIZIO BLONDET




Le giornate del gay pride dove i finocchioni e transessuali gettano in faccia ai passanti il loro vizio, compiono atti osceni e bestemmiano la religione, queste sono rivendicazioni legittime. Ma se a scendere in piazza sono i coltivatori e i piccoli padroni di TIR tartassati dal Fisco e dalla crisi, i disoccupati e i familiari dei piccoli imprenditori suicidi, o anche la gente normale che dice «basta» alla «politica» dei farabutti, allora non piace più, alla sinistra. (....)






Per una volta sono scesi in piazza dei cittadini esasperati. Alcuni hanno bloccato strade e stazioni ferroviarie. E subito, indovinate chi li trova scandalosi, chi invoca l’ordine pubblico, chi li vede sporchi e sospetti, chi sospira dai grandi giornali contro questi «che fanno chiudere i negozi e impediscono agli automobilisti di andare a lavorare»? Ma la sinistra, perbacco. 

La sinistra intera e totale, come corpo. Una manifestazione corale ed automatica di perbenismo, un riflesso pavloviano di conformismo, una schifiltosità immediata che è molto rivelatrice.

«Queste non sono persone ammodo, contessa: sono camionisti, contadini, maleducati, mafiosi, d’estrema destra...». Gad Lerner, richiamato in servizio, ha seguito una manifestazione e non ha abbastanza parole per esprimere il suo schifo: ci ha trovato «qualcosa di cileno», anzi peggio di …


(L’articolo è disponibile solo per gli abbonamenti attivi)



CHI RIUSCIRA' A FERMARE MICHELE NISTA? HA UN MOME E COGNOME IL DIFFAMATORE DELLA RETE TUTTORA SENZA FISSA DIMORA, SI SA CHE LE CALUNNIE SONO FOGLIE AL VENTO ED UNA VOLTA SPARSE NON SI POSSONO PIU' RACCOGLIERE TUTTE, NOI COMUNQUE CI PROVIAMO INVITANDO I BLOGGERS E GLI AMMINISTRATORI DEI SITI A CANCELLARE LE ZOZZURE COME APPAIONO AGLI URL ELENCATI


Spett. Google Italia.,
Corso Europa 2 

MILANO
RAR N°14627472826-8
e p.c. avv. Marco Della Luna, Mantova


notifichiamo a voi, nella vostra qualità di Internet Service Provider, il fatto che state dando spazio, visibilità, hosting a contenuti palesemente diffamatori nei nostri confronti, postati da certo Nista Michele e altri, ai seguenti url: *


Poiché i contenuti sono in se stessi, palesemente, ictu oculi e indubitabilmente diffamatori nonché deliranti, vi diffidiamo a cancellarli senza ritardo.


Essendo quantomeno da oggi a compiuta conoscenza degli illeciti permanenti, civili e penali, posti in essere come sopra, vi riterremo ad ogni effetto responsabili in caso di mancata o tardata rimozione.

CIRCOSTANZIATO IL POST DI DANILO...DA LEGGERE TUTTO! BEH! STI PIEMONTESI NON SONO POI COSI' TANTO "BUGIANEN"

Forconi a Torino vissuti in diretta: il conflitto sociale diventa realtà


Non è bello essere autocelebrativi ma quanto sta accadendo in queste ore con il cosiddetto“movimento dei ” non mi sorprende per nulla. Chi mi segue da più tempo, ricorda sicuramente quanto abbiamo martellato sul rischio del cosiddetto “conflitto sociale”. La Grecia era un esempio verso a cosa si sarebbe andati incontro. E ora è il momento anche per l’Italia.
Una crisi che arriva da lontano, e non certo si è venuta a creare solo negli ultimi anni. Una crisi che è partita proprio nel millennio passato e che ha generato prima la bolla internet e poi la bolla subprime. Una crisi che è guidata da una politica monetaria sfrontata e spavalda. Una crisi che è gestita solo nell’interesse di alcuni, di poter continuare a tutelare chi ha sempre dominato e permettere a queste lobby di continuare a fare soldi.
Insomma, una crisi guidata dall’avidità, dall’egoismo, da tutte quelle cose negative che alla fine portano all’autodistruzione. […] E tutto questo non potrà che portare alconflitto sociale, una sorta di scontro forse più silenzioso di quello vissuto con una guerra (perché non guidato da cacciabombardieri) ma non meno devastante.
Insomma, una crisi che deve essere vista prima ancora che nell’economia, nell’uomo e nella società.Sissignore : UNA CRISI DELL’UOMO. (Source)
Questo è solo un esempio dei vari articoli che potrete appunto visionare cliccando su“conflitto sociale”. 

martedì 10 dicembre 2013

LI CHIAMANO "FORCONI" MA SONO: ARTIGIANI,COMMERCIANTI,AMBULANTI,PENSIONATI,DISOCCUPATI....OCCORRE ESSERE DURI DI CUORE E DI CERVICE PER NON CAPIRE CHE IL POPOLO NON CE LA FA PIU'.....MA LE FORZE DELL'ORDINE HANNO CAPITO!!!

Forconi a Torino, polizia si toglie il 
casco tra applausi manifestanti


Forconi: finanzieri si tolgono il 
casco tra gli applausi dei manifestanti


Forconi, i manifestanti baciano i 
carabinieri

GIANNI LANNES ED IL SUO SEMPLICE PIANO IN 26 PUNTI....UNITI SI VINCE

di Gianni Lannes 10.12.2013

GIOVANE ITALIA - FOTO GIANNI LANNES (tutti i diritti riservati)
di Gianni Lannes
L’Italia è l’unica nazione al mondo dove i rifiuti si riciclano prevalentemente in politica. L'Italia, attualmente, non ha una classe dirigente a qualsiasi livello, in particolare etico. L’Italia, il nostro Paese, sembra privo di memoria, di slancio, di altruismo e di compassione. Per dirla con Carlo Levi: “Nessuno ha toccato questa terra se non come un conquistatore o un nemico o un visitatore incomprensivo”. 

Non c’è bisogno di eroi, però, e soprattutto di retorica o populismo, purtroppo di gran moda. Ma non siete stanchi dei furbi, dei ladri, dei moralizzatori d'accatto, dei traditori, dei raccomandati, dei soliti figli di papà con la carriera assicurata, dei riccastri e dei politicanti venduti?

Cosa si può fare? Intanto non restare indifferenti. Fare qualcosa insieme invece che contro. Chiamare a raccolta quelli che si riconoscono nell’essere a favore delle persone, per la verità e la giustizia. Non si può sempre vivere contro qualcuno o qualcosa.
La gente è nauseata da questa recita quotidiana della vita politica italidiota, coi soliti burattini e burattinai perennemente nei salotti tv. In Italia i palazzi del potere per conto straniero e i fantocci eterodiretti dall’estero che li animano sono un cancro da estirpare adesso. La mafia alberga nel cuore delle istituzioni.

L'ALBA SI VEDE DAL MATTINO: RENZI IERI AL SUO PRIMO GIORNO DI SEGRETARIO PD HA PERSO UN'OCCASIONE, SOLIDARIZZARE CON LE PROTESTE DI PIAZZA PER ANDARE A BRACCETTO CON LETTA, NON E' CREDIBILE!!!





http://www.vincitorievinti.com/
Il successo di Renzi alle primarie è il primo caso nella storia umana in cui un partito, il Pd, organizza delle elezioni e a vincerle è il partito avversario, Forza Italia (già PDL), senza neanche partecipare.

Ma al netto del risultato politico emerso dalle primarie del Pd che si commenta da solo, per valutare quanto RENZI sia differente dalla nomenclatura partitica che egli stesso si prepone di abbattere, occorreranno solo poche settimane.

E l'occasione gliela dà proprio la pronuncia della Consulta che ha stabilito l'illegittimità del Porcellum.

E' chiaro che questa sentenza ha aperto uno squarcio profondo sulla credibilità e sulla legittimità delle istituzioni: dal Parlamento, al Governo, fino al Presidente delle Repubblica stesso.

NEL GIORNO DELL'IMMACOLATA E' STATO CHIUSO IL SEMINARIO DEI "FRANCESCANI DELL'IMMACOLATA"




Di Roberto de Mattei 9 dicembre 2013 

Un gruppo di siti e associazioni di laici cattolici ha iniziato una raccolta di firme per chiedere le dimissioni di Padre Fidenzio Volpi dal suo incarico di commissario dei Francescani dell’Immacolata.Tutti coloro che vogliono aderire a quest’appello possono farlo cliccando qui.

Chiediamo le dimissioni di Padre Fidenzio Volpi dal suo incarico di commissario politico dei Francescani dell’Immacolata. Nello spazio di cinque mesi padre Volpi ha sfasciato l’istituto provocando caos e sofferenze al suo interno, scandalo tra i fedeli, critiche sulla stampa, disagio e perplessità nel mondo ecclesiastico. Poco importa sapere se padre Volpi sia l’artefice o l’esecutore del piano di distruzione. Quel che è certo è che se il piano non verrà fermato le conseguenze saranno disastrose ed è per evitare che a disastro si aggiunga disastro che padre Volpi deve essere dimesso.

COSA AVRANNO MAI COMBINATO I "FRANCESCANI DELL'IMMACOLATA"???

di Riccardo Cascioli 10-12-2013
Circa 400 frati, di cui quasi duecento sacerdoti, sparsi in 55 case religiose in tutto il mondo. Altrettante le suore, anch’esse diffuse nel mondo in 47 case religiose. Erano questi i numeri dei Francescani dell’Immacolata fino allo scorso 11 luglio, quando un decreto della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata ne ha deciso il commissariamento. I Francescani dell’Immacolata sono una famiglia religiosa giovane con forte impronta missionaria, nata all’inizio degli anni ’70 da padre Stefano Maria Manelli e padre Gabriele Maria Pellettieri che, allora frati francescani conventuali, avviano una nuova esperienza francescana alla luce dell’Immacolata unendo la Regola bollata di san Francesco d’Assisi con la Traccia mariana di vita francescana redatta da padre Manelli. Riconosciuti dalla Chiesa nel 1990, dal 1998 i Francescani dell’Immacolata godono del riconoscimento pontificio. 

RENZI HA TACIUTO OGGI SUL "FATTO DEL GIORNO" COSI COME I MEDIA HANNO DATO LA NOTIZIA IN MODO MARGINALE



di Lupo del Sud 9.12.13

La disobbedienza è la virtù primaria dell'umanità attraverso cui è stato forgiato il progresso. 

Oggi milioni di italiane e italiani, certo non comodi professionisti dello sciopero, ma lavoratori sfruttati (tanti) e disoccupati (sempre di più) si sono fermati spontaneamente per protestare contro uno Stato dittatoriale telecomandato da poteri economici e militari stranieri. La rivolta è partita dal basso. Può rappresentare un segnale preliminare, un primo passo per far maturare la consapevolezza di dar vita finalmente a uno Stato sociale e di diritto, liberando l'Italia dal regime di oppressione. Occorre paralizzare pacificamente e ad oltranza la nostra Patria usurpata. 

sabato 30 novembre 2013

HAARP NON FARA' PIU' DANNI? NE SIAMO PROPRIO CERTI?


HAARP ha chiuso. Lo ha fatto in sordina, a maggio, senza annunci ufficiali.

Per chi non lo sapesse, HAARP è l’acronimo di High-Frequency Active Auroral Research Program. Si tratta di un progetto di ricerca, in collaborazione con l’Air Force Research Laboratory e l’Office of Naval Research. La sua base principale è in Alaska, a Gakona, ed è costituita da un enorme complesso di antenne radio.

A dar notizia della sua chiusura è l’ARRL (American Radio Relay League, l’associazione radioamatori statunitense), che ha chiesto a James Keeney, program manager del progetto HAARP, il motivo dell’apparente stato di inattività del complesso. Semplice, ha risposto Keeney: HAARP ha chiuso.

ALLUMINIO E BARIO PER RENDERE L'ATMOSFERA ELETTROCONDUTTIVA. LA SCIENZA E' PERFETTAMENTE AL CORRENTE!!! E NOI SIAMO CONSAPEVOLI DI COSA ACCADE ?


di Gianni Lannes

Il Governo degli Stati Uniti d'America deve rispondere al popolo italiano di questa strage deliberata.


Questi criminali in divisa a stelle e strisce fanno anche il workshop sui terremoti con gli affidabili esperti europei ed italiani. Purtroppo anche in ambito giudiziario non si è ancora giunti ai segreti di Stato che pesano sulla vicenda. Invito tutte le persone di buona volontà a diffondere queste informazioni di cui mi assumo la piena e totale responsabilità legale, sociale ed umana. 
Mai più stragi nel nostro Paese!

 
L'Aquila, 6 aprile 2009: scie chimiche militari - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)


di Gianni Lannes

Scie chimiche di origine militare e scossoni sismici dirompenti. Usano le forze della Natura per annientare i nemici e indebolire gli alleati. Impossibile dimenticare una strage di innocenti. Nel 2009 sapevo poco o nulla dell’aerosolterapia bellica. Ero inviato del quotidiano La Stampa e per una settimana ho seguito gli eventi in presa diretta, mentre le mie macchine fotografiche seguitavano a ritrarre immagini, ritagliando - senza darci troppo peso allora - anche rettangoli interessanti di cielo. Finestre di azzurro solcate da strane scie artificiali. Ero impegnato soprattutto nei primi due giorni, mentre le scosse si susseguivano freneticamente a seguire il lavoro senza soste dei soccorritori, giunti anche dalla Spagna e dalla Francia.


lunedì 25 novembre 2013

LA MIA DISSOCIAZIONE VALE COME IL 3 DI PICCHE MA ANCH'IO PENSO CHE UN CONTO E' ACCOGLIERE ED UN ALTRO E' PREMIARE.


di Riccardo Cascioli 23-11-2013

Non ci scandalizzano le cortesie istituzionali che la Chiesa riserva ai capi di Stato, anche i più discussi: giustamente si tiene la porta aperta al dialogo con tutti, se possibile si trova anche il modo di collaborare per migliorare la condizione degli uomini. Né ci scandalizza un rapporto di amicizia personale tra il papa o un cardinale e un capo di Stato lontano dalla fede. Molte volte è proprio l’amicizia con un uomo di profonda fede che fa breccia nel cuore dell’uomo, anche il più duro. Ne abbiamo avuto un esempio anche questa settimana ripercorrendo la straordinaria conversione – grazie all’amicizia con Tolkien - dello scrittore C.S.Lewis, di cui ricorreva il 22 novembre il 50esimo anniversario della morte.

E però quando si comincia a fare confusione tra bene e male, quando le cose cambiano nome allora non capiamo più. Oppure c’è qualcosa che ci sfugge nell’onorificenza concessa al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano dalla Pontificia Università Lateranense. 

GLI AGRICOLTORI BRETONI PROTESTANO, I POPOLI NON LA VOGLIONO "QUESTA EUROPA"





25 novembre 2013

I bretoni non ci stanno: dopo anni di celata insofferenza e dopo un diffuso malcontento generalizzato, la regione più a nord della Francia ha detto basta ed è in questi giorni interamente in piazza.
La goccia che ha fatto traboccare il vaso, ha riguardato l’aumento delle tasse sui prodotti agricoli, sui quali si regge gran parte dell’economia bretone; ma ben presto la protesta di una singola categoria, si è trasformata nell’esplosione di un malcontento dell’intera popolazione della regione, da sempre poco incline ad essere assoggettata al governo centrale di Parigi.
Si perché in Bretagna il tricolore è quasi assente; chi va a visitare quei luoghi così stupendi che si affacciano sull’Atlantico, non chiami un cittadino del luogo con l’aggettivo francese o non si rivolga a lui in lingua francese, perché tutto ciò potrebbe passare addirittura come un’offesa. Tengono molto i bretoni alle proprie radici culturali e linguistiche, diverse da quelle del resto del paese e se poi Parigi impone scelte che condizionano la vita quotidiana e l’economia della regione, ecco che la bolla esplode e diventa quasi impossibile controllarla.

EUTANASIA MASCHERATA: IL VECCHIETTO DOVE LO METTO?DOVE LO METTO NON SI SA!!!


Il Vecchietto




Mamma dov'e' il nonno?
Nonna andiamo alla giostra?
Nonno, nonno, dov'e' il nonno?
Ha fatto la valigia e se ne andato
Perche' la nuora non lo vuole piu', 
E' troppo vecchio, troppo malandato, 
Con I bambini non ce la fa piu', 
Allora s'e' rivolto ad un ospizio
Ma s'e' sentito dire solo No! 
Ci spiace tanto amico non c'e' spazio
Gia' stiamo troppo stretti non si puo'.
E il vecchietto dove lo metto, 
Dove lo metto non si sa, 
Mi dispiace ma non c'e' posto, 
Non c'e' posto per carita'.
Il vecchietto dove lo metto, 
Dove lo metto non si sa, 
Mi dispiace ma non c'e' posto, 
Non c'e' posto per carita'.
Ah ah
Ah ah
E' andato dritto dritto all'ospedale
Chiedendo un posto all'accettazione, 
Non ce la faccio piu' mi sento male
Mi manca solo ormai l'estrema unzione, 
Ma il medico di turno si e' scusato
Guardandolo con un sorriso fesso, 
Lei non si rende conto in quale stato
Abbiamo gente pure dentro al cesso.
E il vecchietto dove lo metto, 
Dove lo metto non si sa, 
Mi dispiace ma non c'e' posto, 
Non c'e' posto per carita'.
Il vecchietto dove lo metto, 
Dove lo metto non si sa, 
Mi dispiace ma non c'e' posto, 
Non c'e' posto per carita'.
Ah ah
Ah ah
Allora non sapendo cosa fare
Ha fatto quello che puo' fare un pazzo, 
Con una corda al collo in fondo al mare
Ha fatto finta di essere un merluzzo, 
Al cimitero grande del Verano
Appena sceso giu' dal furgoncino
Si e' incavolato subito il guardiano
Mettendosi a parlare col becchino.
Sto vecchietto dove lo metto, 
Dove lo metto non se sa
Me dispiace ma nun ce posto, 
Nun ce posto per carita'.
Sto vecchietto dove lo metto
Dove lo metto non si sa, 
Mi dispiace ma non c'e' posto
Non c'e' posto per carita'.
Il vecchietto dove lo metto
Dove lo metto non si sa, 
Va a finire che non c'e' posto
Forse neppure nell'aldila'.
Il vecchietto dove lo metto
Dove lo metto non si sa, 
Va a finire che non c'e' posto
Forse neppure nell'aldila'.
Il vecchietto dove lo metto
Dove lo metto non si sa, 
Va a finire che non c'e' posto
Forse neppure nell'aldila'.



Terminata la 28° Conferenza Internazionale che si è svolta in Vaticano sul tema “ La Chiesa a servizio delle persone anziane malate: la cura delle persone affette da patologie neurodegenerative”, ciascuno di noi si domanda : cosa stai facendo per gli altri ? ” ( Martin Luther King Junior ) e cosa richiediamo alle Istituzioni Legislative :.Petizione 2013

L’evolversi della società e l’invecchiamento della gente in Italia secondo i dati Istat, le persone con più di 65 anni oggi 2013 costituiscono il 15% della popolazione anziana e nel 2025 saranno il 25% .

EUROPA E APPARATO UE SONO LA STESSA COSA? PER LAURA BOLDRINI PARE DI SI!

di Marco Della Luna 24.11.2013

L’intervista al TGCOM 24 sull’Europa e gli euroscettici

Oggi pomeriggio ho captato un’intervista rilasciata al direttore di TGCOM24 dalla presidentessa della Camera, on.le Laura Boldrini di Sel. Scusatemi se la commento. E’ più forte di me.

Sui temi propostile – da quelli strutturali come la crisi economica e l’Europa, a quelli contingenti come l’evitabile disastro idrogeologico in Sardegna, la Boldrini si è espressa in termini emotivi, etici, generici, spaziando tra l’ovvio e il celebrativo, sempre però evitando di parlare in concreto delle cause tecniche accertabili dei problemi e delle soluzioni tecniche possibili. 
E’ molto facile assumere la posizione di giudice politico e morale degli altri, dire che cosa si dovrebbe fare e che si è colpevoli non facendolo, se ci si tiene al disopra del piano operativo, che deve fare i conti con le difficoltà pratiche, la limitatezza dei mezzi, i contrasti di interessi.

Il brano più impressionante di tutta l’intervista è quello in cui la Boldrini affronta il tema della disaffezione all’Europa in relazione alle criticità, ormai diffusamente percepite, della sua organizzazione monetaria e finanziaria. La Boldrini ha inquadrato, dapprima, gli euroscettici o eurocontrari, qualificandoli aprioristicamente come un problema, un male, dicendosi allarmata dalla possibilità che le prossime elezioni europee producano un parlamento fortemente euroscettico, quindi implicando che la posizione del dubbio e dell’opposizione all’attuale costruzione europea sia in sé illegittima e/o sbagliata, indipendentemente dai risultati prodotti da questa costruzione. Ha persino soggiunto, come rafforzativo, che alcuni partiti di questo tipo sono neonazisti. Non ha parlato del merito delle loro analisi e critiche al sistema attuale. Analisi e critiche che, quasi sempre, si basano su dati obiettivi, studi scientifici, metodi econometrici – si pensi a Berndt Lucke di AfD e a Nigel Farage dello Ukip, per non parlare del sottoscritto o di economisti come Krugman, Brancaccio, Sapelli, Galloni, Kaldor, Bagnai, e mi scuso con gli altri che tralascio per brevità.